NORME PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA

Elenco degli scarichi ammessi in Pubblica Fognatura


SCARICHI DOMESTICI


È possibile scaricare le acque provenienti da insediamenti di tipo residenziale e da servizi

derivanti prevalentemente dal metabolismo umano e da attività domestiche.

È vietato scaricare le acque meteoriche provenienti dai cortili, tetti e terrazze; quelle di lavaggio e innaffiamento di spazi esterni; acque di filtrazioni di sotterranei, cantine e sottosuolo in genere;

quelle di raffreddamento e condizionamento. Inoltre sono vietate sostanze che possono danneggiare gli impianti, le persone ad essi addette e gli altri insediamenti allacciati, in particolare oli minerali, sostanze infiammabili, esplosive, radioattive quelle che sviluppano gas o vapori tossici o che possono provocare depositi od ostruzioni nelle canalizzazioni (immondizie, letami, rifiuti di macelli, cartone, stracci, ceneri, sabbie, bitume, piume, trucioli, preservativi, assorbenti, collant, ecc.).


È altresì vietato immettere sostanze che a temperature fra 10° e 40° possono precipitare, solidificare o divenire gelatinose. Non è consentito il recapito in fognatura pubblica delle sostanze sopra menzionate nemmeno previo trattamento a mezzo di trituratori.


SCARICHI PRODUTTIVI


È possibile scaricare le acque provenienti da insediamenti di tipo residenziale e da servizi

derivanti prevalentemente dal metabolismo umano e da attività domestiche.

Sono altresì ammessi, in seguito ad apposita valutazione da parte dei competenti servizi e

successivamente all’ottenimento dell’autorizzazione allo scarico, eventuali scarichi derivanti da

cicli produttivi.

È vietato scaricare le acque meteoriche provenienti dai cortili, tetti e terrazze; quelle di lavaggio e innaffiamento di spazi esterni; acque di filtrazioni di sotterranei, cantine e sottosuolo in genere;

quelle di raffreddamento e condizionamento. Inoltre sono vietate sostanze che possono danneggiare gli impianti, le persone ad essi addette e gli altri insediamenti allacciati, in particolare oli minerali, sostanze infiammabili, esplosive, radioattive quelle che sviluppano gas o vapori tossici o che possono provocare depositi od ostruzioni nelle canalizzazioni (immondizie, letami, rifiuti di macelli, cartone, stracci, ceneri, sabbie, bitume, piume, trucioli, preservativi, assorbenti, collant, ecc.).


È altresì vietato immettere sostanze che a temperature fra 10° e 40° possono precipitare, solidificare o divenire gelatinose. Non è consentito il recapito in fognatura pubblica delle sostanze sopra menzionate nemmeno previo trattamento a mezzo di trituratori.

Norme_Scarico+in+Fognatura
.pdf
Download PDF • 25KB

7 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti